Accendi RADIO Fluò!

La musica è una parte importante della nostra giornata, un modo per trascorre, soprattutto in questo periodo, il nostro tempo, per arricchirlo e per arricchirci.
Abbiamo pensato di condividere con voi la musica che è più in sintonia con il DNA di Fienile Fluò, le sue radici sono nell’ambiente naturale e ce lo fa percepire come una delle fonti principali di creatività.
Ci siamo fatti aiutare da un esperto di musica che ogni mese ci proporrà la sua playlist pensata esclusivamente per noi; stiamo parlando di Matteo Lion, esploratore musicale su METABOX sensibilità aumentata e abile narratore del nostro quotidiano attraverso il lavoro di coloro che scrivono e interpretano la musica.

Abbiamo anche deciso di proporvi la musica che scopriamo mensilmente o che ci piace ascoltare in questo periodo.
Diversamente dalla selezione di Matteo Lion che spazierà anche nel tempo alla ricerca del suono più in sintonia con Fienile Fluò, noi cercheremo di proporvi cose nuove o recenti, sperando che vi piacciano e siamo sicuramente curiosi di sapere cosa ne pensate.

Trovate la playlist anche nel nostro canale YouTube e nel nostro profilo Spotify.

RADIO Fluò 001
La playlist di Matteo Lion

Anohni – Manta Ray
È una canzone cantata da Anohni, l’ex voce del gruppo newyorkese Antony and The Johnsons, candidata agli Oscar 2016 nella categoria Miglior Canzone Originale. Il brano è parte della colonna sonora del documentario “Racing Extinction”.
La composizione della melodia del brano si ispira invece all’‘o’o di Kauai, un uccello canoro delle Hawaii, razza ormai estinta.
Il pezzo ne riprende il verso d’accoppiamento e ci deve suggerire di ascoltare i rumori della natura che ci circonda prima che si esauriscano.
In the trees / Sugli alberi
Between the leaves / Tra le foglie
All the growing / Tutti I progressi
That we did / Che abbiamo fatto
All the loving / Tutto ciò che amiamo
And separating / Tutto ciò che separa
All the turning / Ciò che cambia
To face each other / Per affrontarci a vicenda

Niia – Running Up That Hill (Kate Bush cover)
Dopo questo incubo dell’isolamento da corona virus, spero ci sarà la volontà di guardare la natura con occhi diversi.
Godendocela con più consapevolezza, da vicino.
E quindi l’invito è venirla a vivere su da noi, in collina, per fare un nuovo patto…. anche con Dio se necessario.
And if I only could, / Se solo potessi
I’d make a deal with God, / Farei un patto con Dio
And I’d get him to swap our places, / E lo convincerei a scambiarci di posto
Be running up that road, / Correndo per questa strada..
Be running up that hill, / Correndo su questa collina

Allday and The Veronicas – Big Yellow Taxi (Joni Mitchell cover)
Joni Mitchell compose il brano durante un viaggio alle Hawaii.
Guardando fuori dalla finestra dell’albergo dove alloggiava vide lo spettacolo dell’oceano Pacifico, contrapposto ad un parcheggio sottostante all’albergo.
C’è una guerra in corso, ma dobbiamo sapere da che parte schierarci.
Ho scelto questa cover di questi giovani, perché mi pare che ora siano loro a indicarsi la strada giusta.
Don’t it always seem to go / Sembra proprio che non sia
That you don’t know what you’ve got / possibile sapere quanto si possiede
Till it’s gone / finché non lo perdiamo
They paved paradise / Hanno asfaltato il paradiso
And put up a parking lot / e ci hanno costruito un parcheggio
They took all the trees / Hanno raccolto tutti gli alberi
Put ’em in a tree museum / e li hanno portati al Museo degli Alberi
And they charged the people / E fanno pagare alla gente
A dollar and a half just to see ’em / un dollaro e mezzo per vederli
Hey farmer farmer / Hey contadino, contadino
Put away that DDT now / metti via il DDT
Give me spots on my apples / dammi le macchioline sulle mele
But leave me the birds and the bees / e lasciami gli uccelli e le api
Please! / Per favore

Angela Nashed – Mercy, Mercy Me, The Ecology (Marvin Gaye cover)
Nel 1971 Marvin Gaye scrive “Mercy, Mercy Me (The Ecology)”, una vera e propria preghiera sotto forma di canzone in difesa della natura.
Ho scelto una recente versione di Angela Nashed, una cantante canadese/egiziana, che una voce piena, sottolineata da belle armonie vocali e da un sax che le da un tocco retrò.
Woo ah mercy, mercy me / Pietà, pieta di me
Things ain’t what they used to be, no no / Le cose non sono più come una volta
Where did all the blues skies go? / Dove sono andati tutti i cieli blu?
Poison is the wind that blows / Il veleno è il vento che soffia
From the North, and South and East / Da Nord, da Sud e da Est si

Symo – Luce, tramonti a nord est (Elisa cover)
Rancore + La rappresentante di lista + Durdust – Luce, tramonti a nord est (Elisa cover)
Elisa portò a Sanremo una canzone in cui ci invitava a essere sinceri nei rapporti interpersonali esattamente come la natura riesce a comunicare con noi.
Ho scelto una cover tastiere e voce che ne esalta il testo.
Ma ho aggiunto – come bonus track – anche la versione di Rancore con La Rappresentante di Lista e Durdust.
Hanno completamente stravolto il testo che è diventato un dialogo tra un marinaio e la luna che lo deve guidare.
Parlami come il vento tra gli alberi.
Parlami come il cielo con la sua terra.
Siamo nella stessa lacrima,
come un sole e una stella,
luce che cade dagli occhi,
sui tramonti della mia terra,
su nuovi giorni, il sole mi parla di te

RADIO Fluò 001
La playlist del Team Fluò

Tyson – White
Figlia d’arte, la madre è Neneh Cherry, ha tutte le carte in regola per lasciare il segno nel mondo del soul contemporaneo.
L’uso delle voci e le timbriche elettroniche usate senza mai renderle troppo riconoscibili creano una miscela degna di nota.

Loyle Carner – Desoleil
È un genere che spesso confondiamo con il rap ma lo spoken word è pura poesia adagiata su un tappeto musicale che qua si arricchisce con la voce di Sampha che riesce sempre ad aggiungere una profondità inarrivabile.

Thundercat – Dragonball Durag
Torna Thundercat con le impeccabili atmosfere morbide che solo un ascolto distratto non raccoglie la maestria del suo basso e gli arrangiamenti sofisticati, affiancato dai maghi della musica nera contemporanea come Steve Lacy (The Internet) e Flying Lotus

Liberato/3D (Massive Attack)/Gaika – We come from Napoli
I Massive Attack hanno da tempo un collegamento con Napoli dai tempi della collaborazione con gli Almamegretta per la versione partenopea di Karmacoma. Qui 3D dei Massive Attack collabora con Liberato per qualcosa che porta Napoli, come spesso accade, fuori dai confini italici.

YellowStraps – Goldress (feat. VYNK)
Un pop morbido intriso del nuovo soul che spesso arriva da Londra e che invece stavolta arriva dal cuore dell’Europa, dal Belgio, con un buon mix tra acustico ed elettronica.