';

RADIO FLUÒ

ACCENDI RADIO FLUÒ!

La musica è una parte importante della nostra giornata, un modo per trascorre, soprattutto in questo periodo, il nostro tempo, per arricchirlo e per arricchirci.
Abbiamo pensato di condividere con voi la musica che è più in sintonia con il DNA di Fienile Fluò, le sue radici sono nell’ambiente naturale e ce lo fa percepire come una delle fonti principali di creatività.

Ci siamo fatti aiutare da un esperto di musica che ogni mese ci proporrà la sua playlist pensata esclusivamente per noi; stiamo parlando di Matteo Lion, esploratore musicale su METABOX sensibilità aumentata e abile narratore del nostro quotidiano attraverso il lavoro di coloro che scrivono e interpretano la musica.

Trovate la nuova playlist e tutti i brani delle precedenti, anche nel nostro canale YouTube e nel nostro profilo Spotify

RADIOFluo001

LA PLAYLIST DI APRILE

The Moon Song – Karen O.
“Sono sdraiato sulla luna. È un posto tranquillo e stellato. Ora che siamo inghiottiti nello spazio siamo qui a un milione di miglia di distanza”. Delicata canzone tratta dalla colonna sonora del film “Her” di Spike Jonze.

Hidden Sun – Parallels
I Parallels sono un gruppo canadese guidato dalla vocalist Holly Dodson che a proposito della canzone ha scritto: “cattura gli stati d’animo travolgenti di essere su un pianeta in tempesta in attesa che il sole spunti. È stato ispirato ai figli degli astronauti che crescono su Venere e aspettano anni che spunti il ​​sole “.

I Live For The Sun – The Sunrays
Canzone pubblicata nel 1965 ed è un vero inno verso il sole che scaldandoci dopo un lungo inverno sembra proprio ridarci la vita.

Saturday Sun (Nick Drake cover) – Elton John
La canzone comincia raccontandoci che il sole di sabato è arrivato una mattina presto in un cielo così limpido e azzurro. Ma alla fine della canzone il sole di sabato, domenica si è trasformato in pioggia. La canzone ci insegna a non aspettare e cogliere il bello nel momento stesso in cui arriva.

Moon River (Audrey Hepburn cover) – Frank Ocean
“Luna sul fiume, più larga di un miglio, un giorno ti attraverserò con classe.” Così cantava con infinita classe malinconica Audrey Hepburn. Frank Ocean la rende più muscolare e sofferta.

Lotus Flower (Radiohead cover) – Alexa Melo
“Lentamente ci apriamo come fiori di loto e tutto quello che voglio è la luna su un bastone. Ballando intorno ad una fossa il buio è là sotto.”

River – Ibeyi
Un bagno al fiume può avere il potere di farci rinascere. “Porta via le mie foglie morte. Fammi battezzare la mia anima con l’aiuto delle tue acque. Affonda i miei dolori, lascia che il fiume li prenda, il fiume li anneghi il mio ego e la mia colpa.”

Aquamarine – Lady in the Radiator
Ancora una canzone sull’elemento dell’acqua per l’esordio di questa band toscana. Ci confidano che “Aquamarine nasce dalla necessità di qualcosa che scorra mentre tutto è fermo, proprio come l’acqua”.

Take Me To The Moon – Kadebostany feat. Valeria Stoica
A volte avremmo voglia di trasferirci su quel pianeta luminoso che illumina le nostre notti.

The Gardener – Holly Arrowsmith
“Ma sono bloccata qui nell’erba dove soffia il vento freddo. Le nuvole rotolano giù per la valle dove le colline sono verdi e i fiori gialli crescono. Tutti gli uccelli sembrano saperlo che il tempo sta arrivando ed è ora di andare”. Quando si è a contatto con la natura si è in contatto anche con l’eternità.

Beyond the Sun – Prime Panda
Questo quintetto londinese ci propone un viaggio fatto di jazz ricco di elettronica e robuste linee di basso. Destinazione oltre il sole.

If We Come As Soft Rain – Sarah Webster Fabio
“Se scendessimo come una pioggia leggera picchiettando dolcemente, senza ingrossare torrenti, ma sussurrando segretamente la risposta a ciascuno”. Sarah Webster Fabio è stata una grande poetessa, performer, studiosa ed educatrice americana e ci insegna a ed essere delicati e vitali come la pioggia per la terra.

Dancing On The Moon – Batts
Una delicata canzone che immagina la moglie di un astronauta guardare la luna attraverso il telescopio ed immaginare di ballare sulla luna con il marito. La luna e il sole ci ricordano che non ci sono distanze che possano fermare la luce e il calore.

Come To The Sunshine – Joni Mitchell
“Adesso arriva il mattino, bagnato dal bacio della sera. Le ombre svaniscono tenendo il broncio. Sole per sognare. Non ho mai visto un cielo così libero. Mai così blu. Mattina mistica”. Con l’arrivo della primavera le temperature in aumento Joni Mitchell ci invita a stenderci al sole del mattino.

Fly Like an Eagle – Steve Miller Band
La canzone ci dice che “il tempo continua a scivolare, scivolare, scivolare nel futuro”. La frenesia dei nostri giorni sempre più veloci ci porta a desiderare di poter volare via come le aquile.

Basia Bulat – The Garden
“Qui dove l’erba è la più alta. I lillà hanno terminato la loro fioritura. Tieni gli occhi chiusi per vederlo”. Coltivare un giardino può essere una valvola di sfogo contro le pressioni delle nostre vite.

Flower in the Night- CaLLmeKAT
La maggior parte dei fiori si aprono durante il giorno per poi chiudere i bulbi la sera. I fiori notturni, invece, vengono impollinati da insetti come farfalle o falene, ed è per questo che hanno un profumo più forte e i colori più chiari.

Light Of The Moon – Russell Louder
Russell Louder arriva da Montreal e da qualche settimana ha pubblicato il suo disco d’esordio “Humor”. La luce della luna è quello che ci salva dall’oscurità della notte. E dobbiamo imparare a non farci accerchiare dal buio.

Primavera (Stop Bajon) – Tullio de Piscopo
Questa canzone del 1984 di Tulio de Piscopo è tornata alla ribalta nel 2017 quando al Primavera Sound di Barcellona Jamie XX, il geniale produttore dei The XX e della scena elettro pop inglese, l’ha usata per aprire il suo dj set. Ma l’ho voluta mettere in chiusura perché dopo il lockdown delle ultime settimane mi piace dedicarvi il ritornello: “Ma quanno ascimmo fora sarra’ primavera”.